Emilia Romagna

emilia-rom

Actualité de la région :

2 juillet 2012

L'accord pour l'organisation interprofessionnelle italienne de la poire est maintenant signé. « Nous sommes à un tournant, attendu depuis plusieurs années » a déclaré M. Rabboni, conseiller de l’agriculture de la région Emilie-Romagne.

Lire la suite


La Filière Fruits et légumes en Emilie Romagne

Carte d'identité :

  • - Population : 4.4 million d'habitants
  • - Superficie : 22 123 km²
  • - 9 provinces
  • - Capitale Bologne

Elle a un rôle charnière dans le commerce du Nord-Est de l'Europe et des pays du Sud de la Méditerranée.


Chiffres clé de la Filière Fruits et légumes:

La production de fruits et légumes en Emilie Romagne :

 

  • - 118000 ha cultivés en fruits et légumes
  • - 1100 millions d'euros de VPC en moyenne (2000-2009), 1209 millions d'euros en 2009
  • - 29% de le production totale agricole régionale (32.6% en 2009)
  • - 12% de la production totale de l'Italie


Les principaux fruits : 709 millions d'Euros de VPC

  • - Poire :  520 400 T de production sur 22701 Ha soit 35% de la surface régionale fruitière
  • - Pêche : 209 600 T de production sur 9935 Ha soit 15% de la surface régionale fruitière
  • - Nectarines : 270 600 T de production sur 13164 Ha soit 20% de la surface régionale fruitière
  • - Pomme : 155 000 T et 8% de la surface, Abricots : 53400 T et 7%, Prune : 58200 T et 6%, Actinidia : 58400 T et 4% de la surface du verger 


Les principaux légumes : 467 millions d'euros de VPC

  • - Légumes industrie : 1 469 400 T sur 24 182 Ha soit 48% de la surface régionale légumière
  • - Pois 4577 Ha soit 11%
  • - Haricots 4321 Ha 10%
  • - Oignon (8%), Carotte (5%), Pastèques (3%) , salades (3%), Melon (3%)
  • - Divers 15%


Les systèmes de production :


La région Emilie Romagne s'investit dans le développement de productions de qualité , respectueuse de bonnes pratiques agricoles.
La production intégrée mais aussi les productions sous différents cahiers des charges des signes de qualité AOP, IGP se développent et représente 49600 Ha cerfiés .

Les principales productions sous label de qualité :

  • - Asperge verte d'Altedo
  • - Champignon de Borgotaro
  • - Marron de Castel del Rio
  • - Poires de l'Émilie Romagne
  • - Pêches et Nectarine de la Romagne
  • - Échalote de la Romagne


La production biologique en fruits et légumes se développe et représente 4.100 Ha certifiés.


Pour plus de détails, consulter l'étude de 2010

pdf Il systema ortofrutticoli - Mazzotti VALTIERO, Direttore generale Agrocoltora

Lien vers la région www.regione.emilia-romagna.it

"Un fruit à l'école"

• Giornate a tema accompagnate da attività pratiche e dimostrative

Bologna, il 12 aprile 2010
Presso Scuola Primaria "Cesana" - Via Guardassoni, 1 (angolo Via della Barca)

Il pdf programma comunitario "Frutta nelle scuole" è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari.

Le giornate a tema sono costituite da una serie di eventi di animazione teatrale incentrati sul percorso del cibo dal campo alla tavola per valorizzare la matrice culturale ed emozionale che caratterizza l'agricoltura.
Una forma di comunicazione alternativa, piacevole, coinvolgente ed incisiva per raggiungere bambini e adulti ed avvicinarli in modo divertente alla cultura del cibo. Il Teatro ... per emozionare, per crescere e concorrere a formare una cultura di sani stili di vita.

I ragazzi verranno poi coinvolti da un animatore nella preparazione di uno spiedino di frutta fresca di stagione e inviterà alla degustazione. Verrà allestito inoltre il Tavolo della Merenda che inviterà alla degustazione di frutta e verdura fresca di stagione, spiedini, bevande e aperitivi analcolici a base di frutta e verdura.

"I sapori del territorio"

• Laboratori didattici e di cucina, animazioni e degustazioni a cura delle Fattorie Didattiche di Forlì-Cesena e degli agricoltori custodi della biodiversità locale

FORLI', 29-30-31 gennaio 2010
Fiera SAPEUR, Quartiere Fieristico
Stand 153 Pad. A
Entrata in fiera
Biglietto invito riduzione 1 euro, scaricabile dal sito www.sapeur.it

pdf Programma dettagliato dell'evento

1st European Fruit Summit

European_Fruit_Summit









Cesena, 6 Ottobre 2009 - Macfrut

Consultare il pdf report finale

Fattorie Aperte in Autunno

Domenica 27 settembre 2009
Fattorie Aperte ritorna con una edizione straordinaria autunnale promossa da Provincia di Forlì-Cesena, Provincia di Rimini e in collaborazione con Alimos Soc. Coop.
Per la prima volta 19 aziende agricole della Provincia di Forlì-Cesena e 7 della Provincia di Rimini saranno aperte ai visitatori in autunno.

La Guida completa con i singoli programmi proposti dalle aziende è scaricabile dai siti:
Provincia di Forlì-Cesena www.provincia.fc.it/agricoltura
Provincia di Rimini www.provincia.rimini.it
ALIMOS Soc. Coop. www.alimos.it

Casa dell'ortofrutta italiana in Russia

• Al via le prime attivita - E' ufficialmente attiva dal 16 giugno la Casa dell'Ortofrutta Italiana in Russia

Il 1 settembre 2009
La struttura sarà gestita da Mediterranean Fruit Company, la società che svolge funzione di braccio operativo del CSO per l'internazionalizzazione e che ha già deliberato in Consiglio l'apertura dell'Ufficio, con sede a Mosca e le attività in programma per il prossimo triennio.

Il progetto vede coinvolte le maggiori imprese della filiera ortofrutticola italiana e metterà in campo, da subito, attività principalmente rivolte alla conoscenza approfondita del mercato russo e delle sue potenzialità, che in questa particolare congiuntura economica sta vivendo importanti mutamenti.

L'ufficio di Mosca offrirà alle imprese , desiderose di operare nel mercato Russo, una constante assistenza in loco e puntuali servizi di rilevamento dati e monitoraggio del mercato.
La Casa dell'Ortofrutta italiana sarà presentata ufficialmente agli operatori russi e alle istituzioni moscovite da CSO e MFC al World Food Moscow ( 15-18 settembre 2009) che può essere considerata la fiera internazionale leader del settore agroalimentare in Russia.

" Con questo progetto – dichiara Roberto Graziani, Presidente di Mediterranean Fruit Company - abbiamo realizzato sinergie importanti. Per la prima volta si mettono insieme le forze dell' intera filiera ortofrutta per costruire una struttura di servizio che potrà agevolare l'export italiano in Russia . Ritengo – continua Graziani – che la nascita di un ufficio distaccato di MFC a Mosca sarà anche una grande opportunità per i nostri Soci che producono macchinari, packaging o servizi di alto livello tecnologico per il settore ortofrutticolo".

Comprensibilmente soddisfatto anche il Direttore del CSO Luciano Trentini :
" Il mercato russo- dichiara Trentini – rappresenta per la nostra ortofrutta uno sbocco di primaria importanza. Siamo consapevoli delle difficoltà che ci aspettano, ma anche del grande interesse che esiste per l'offerta italiana di qualità. E' per questo che la Regione Emilia Romagna ha deciso di sostenere il progetto cofinanziando iniziative promozionali sui prodotti di qualità, in particolare quelli IGP e biologici."

L'Italia esporta in Russia circa 100.000 tonnellate di ortofrutta per un valore di oltre 70 milioni di euro. I quantitativi hanno subito negli ultimi anni incrementi costanti e anche se la crisi dell'ultimo semestre ha un po' rallentato questa tendenza, il mercato Russo rappresenta comunque uno sbocco fondamentale per l' offerta nazionale.

CSO / Università di Bologna

• Corso di Alta Formazione in Ortofrutticoltura

Il 23 luglio 2009
Al via il primo Corso di Alta Formazione in Ortofrutticoltura promosso ed organizzato da CSO e dalla Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna.

Il Presidente del CSO Paolo Bruni ha inaugurato, il 27 giugno scorso, il primo corso di Alta Formazione in ortofrutticoltura riservato a giovani che operano nelle imprese del settore. Il corso si colloca all'interno di un percorso necessario, individuato dalle imprese dell'ortofrutta italiana, di formazione e specializzazione delle risorse umane, indispensabile per mantenere o elevare il livello di competitività.

"La decisione di promuovere un corso di alta formazione - spiega il Presidente di CSO, Paolo Bruni - nasce dall' esigenza di disporre di "nuove professionalità", dando ai giovani l'opportunità di avere il maggior numero possibile di strumenti per decifrare gli elementi del nostro settore. Le imprese – prosegue il presidente Bruni – oggi, per essere competitive devono affrontare le nuove sfide del mercato in un comparto che deve fare fronte agli effetti della globalizzazione ed al tempo stesso, mantenere una dimensione locale valorizzando i prodotti territoriali e di qualità. Le risorse umane sono il patrimonio primario delle aziende su cui investire per competere sui diversi mercati". Alla lezione inaugurale ha preso parte anche il Prof. Guarnieri del Dipartimento di Economia ed Ingegneria Agraria che ha sottolineato l'importanza dell'interazione fra la tradizionale didattica frontale e l'opportunità di aver le esperienze raccontate direttamente da chi ha lunga esperienza nel settore, puntando sul binomio "Università ed Impresa": un binomio in grado di dare risultati importanti per il futuro.

Il dott. Trentini Direttore di CSO afferma che gli argomenti trattati durante il corso che terminerà a dicembre andranno a toccare diversi aspetti che interessano la politica agricola, l'economia dei mercati, il marketing, la distribuzione e la logistica, le tecnologie di conservazione, fino alle certificazioni e gli aspetti della sicurezza alimentare. Il corso fornirà ai 15 "nuovi studenti" strumenti e punti di vista differenti per ricoprire ruoli chiave all'interno dell' impresa.

Progetto "Frutta Snack"

Settimana Frutta Snack dal 18 al 22 maggio 2009 : eventi di educazione al gusto, alla salute e al benessere nella Provincia di Forlì-Cesena

Il 15 maggio 2009
 Una serie di eventi promossi da Provincia di Forlì-Cesena e Alimos Soc. Coop. nell'ambito di "Frutta Snack" che coinvolge attualmente, in Provincia di Forlì-Cesena, 18 istituti superiori e tre plessi di scuola media inferiore.

Dal 18 al 22 maggio - Frutta Fresca nelle scuole
Cinque giorni di fornitura gratuita di frutta e verdura fresca pronta per il consumo per gli studenti del Liceo di Forlimpopoli grazie alla collaborazione della fattoria didattica "La Casaccia" di Meldola, azienda agricola a produzione biologica.

Dal 18 al 22 maggio - Il mondo della biodiversità
Proiezione, nelle scuole interessate, di filmati che hanno partecipato al Festival Internazionale della Biodiversità di Roma. I video selezionati documentano colture e stili di vita differenti, l'importanza vitale delle risorse ambientali ai fini della sicurezza alimentare, i rischi e le minacce a cui è sottoposto quotidianamente il pianeta.

Venerdì 22 maggio - Freschi Aperitivi
Protagonisti del pomeriggio saranno i cittadini interessati, i ragazzi e gli insegnanti aderenti al progetto Frutta Snack che verranno coinvolti da ice barman professionisti per scoprire come utilizzare frutta fresca nel realizzare aperitivi analcolici. I presenti verranno intrattenuti da un animatore agronomo, da un medico e tecnici del settore. Saranno distribuiti gadget. Il tutto nella splendida cornice del Bar Giardini Orselli di Forlì, dalle ore 16.30-18.00.
Vi aspettiamo !

Per sapere piu
pdf Programa
pdf Comunicato Stampa

• Inserimento Frutta Biologica net distributori automatici

Un'importante novità : FRUTTA BIOLOGICA nei distributori automatici "FRUTTA SNACK"

Il 26 marzo 2009

 Distributeur_fruitsDa questa settimana 150 distributori automatici "Frutta snack" collocati in altrettante scuole e luoghi di lavoro saranno riforniti esclusivamente con frutta biologica allo stesso prezzo del prodotto convenzionale. Un'opportunità per le scuole di rimarcare il ruolo di frutta e verdura nella difesa della salute umana e quello della produzione biologica per la salute dell'ambiente.

Una importante novità caratterizza da questa settimana i distributori automatici "Frutta snack": l'inserimento di vaschette pronte all'uso di macedonia di frutta e di mele fresche provenienti da agricoltura biologica che sostituiscono il prodotto da produzione integrata finora erogato.
Saranno interessati da questa operazione - la prima in Italia di queste dimensioni - i distributori collocati in circa 150 tra scuole e luoghi di lavoro da Alimos- Alimenta la Salute (ex Centrale) in qualità di soggetto attuatore del progetto pilota nazionale di educazione alimentare "Frutta Snack" promosso dal Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e dal Ministero Lavoro, Salute e Politiche sociali e del progetto "Fresh Break" promosso dalla Regione Emilia Romagna.

Un altro elemento importante da sottolineare è il prezzo. Le vaschette di frutta biologica saranno disponibili ad un costo invariato: 1,50 € per la macedonia da 150 grammi composta da 4 -5 tipi di frutta e 1,00 € per le mele a fette di varietà Fuji.
Le vaschette di macedonia di frutta fresca contengono attualmente mele, Kiwi, fragole, ananas a cui si aggiungeranno durante la stagione primaverile/estiva ciliegie, albicocche, pesche e nettarine.

Le confezioni sono certificate "da agricoltura biologica" lungo tutto il processo produttivo, dalla coltivazione in campagna al confezionamento.
Una scelta importante, in linea con gli obiettivi del progetto "Frutta snack" di garantire la possibilità di scelta di alimenti salutari e di educare ad una sana alimentazione.
La produzione biologica permette di ampliare il messaggio educativo: riporta l'attenzione sugli effetti della naturalità dei processi produttivi sulla salute umana, e degli stessi sull'ambiente.
La frutta biologica nei distributori automatici qualifica ulteriormente il progetto e va incontro alle richieste avanzate da molti insegnanti.